silenzi

Gerhard Richter, 1990
al MAXXI
Così gentile,
talmente democratico
è il silenzio che non c'è nulla che in lui
non abbia voce, voce tenuta però,
che non si impone - che si distingua pure,
ma non per sopraffare.

-----

La perfezione del primo vero male
non conosce permessi né riposi.
Vigliacca e maledetta si presenta
se leggo un libro se guardo alla finestra, 

se incontro amici se rispondo al telefono
e soprattutto si approfitta
del silenzio dei giorni di festa. 


----

Qualche volta un silenzio può essere
apparenza di più vasti pensieri
che non possono aprirsi
alla cadenza di una voce giornaliera.
Ma questo non è il tuo caso
cara mia: il tuo caso è soltanto
totale mancanza di allegria.